Web | Pensiero | Visioni | Ascolti | Letture



 
leggi i commenti
 
03/04/2013ORIZZONTI | Pensiero

A PROPOSITO DI ACQUA


Titolo       L'acqua che mangiamo_Cos'è l'acqua virtuale e come la consumiamo

Autore     Maria Antonelli e Francesca Greco (a cura di)

Anno       2013

Editore    Edizioni Ambiente


Per scoprire cos'è il consumo di acqua virtuale, ovvero i volumi e i diversi tipi di acqua che sono utilizzati per la produzione dei beni e dei servizi che rientrano nel nostro uso quotidiano, con una particolare attenzione nei confronti dei fabbisogni idrici legati alla produzione degli alimenti. Scopriremo cos'è la nostra impronta idrica.

(sb)

 
   
   
 
leggi i commenti
 
25/05/2012ORIZZONTI | Letture

PONTI.....


Titolo       Racconti di Bosnia

Autore     Ivo Andrić

Anno       2000

Editore    Newton Compton


Due passaggi del testo del bosniaco premio Nobel:


"Di tutto ciò che l'uomo, spinto dal suo istinto vitale, costruisce ed erige, nulla è più bello e più prezioso per me dei ponti. I ponti sono più importanti delle case, più sacri perché più utili dei templi. Appartengono a tutti e sono uguali per tutti, sempre costruiti sensatamente nel punto in cui si incrocia la maggior parte delle necessità umane, più duraturi di tutte le altre costruzioni, mai asserviti al segreto o al malvagio."


"[....] tutto è passaggio, è un ponte le cui estremità si perdono nell'infinito e al cui confronto tutti i ponti dì questa terra sono solo giocattoli da bambini, pallidi simboli. Mentre la nostra speranza è su quell'altra sponda."

 
   
   
 
leggi i commenti
 
03/05/2012ORIZZONTI | Visioni

Architecture végétal


Nota per i suoispettacolari giardini Parigi è la patria di un nuovo modo di pensare paesaggioe architettura come un'entità unica, in cui la natura assume un nuovo ruoloruolo nel contesto urbano. Fn.tv propone un tour dei più interessanti giardiniverticali in città.


VIDEO

 
   
   
 
leggi i commenti
 
03/05/2012ORIZZONTI | Visioni

Dal Vorarlberg


Hermann Kaufmann condivide con gli altri "Baukünstler", letteralmente,"artisti dell'edilizia", il sogno di un habitat ecologico accessibile a tutti, che rende il Vorarlberg un laboratorio dell’architettura e del costruire basato sulla semplicità e la sostenibilità.


VIDEO

 
   
   
 
leggi i commenti
 
29/02/2012ORIZZONTI | Ascolti

Suonare l'architettura: echi tra levolte all'abbazia di Acqualunga


L'installazione che fa risuonare lo spazio architettonico presso l'abbazia di Acqualunga (PV), nella campagna lombarda vicino al Po.


VIDEO

 
   
   
 
leggi i commenti
 
07/02/2012ORIZZONTI | Visioni

A concert inside Peter Zumthor'sVals thermal baths


Il trombettista Martin Dahanukar con il suo quartetto suona. Sullo sfondol'architettura di Peter Zumthor.


VIDEO

 
   
   
 
leggi i commenti
 
25/01/2012ORIZZONTI | Pensiero

Titolo       L'uomo artigiano

Autore     Richard Sennett

Editore    Feltrinelli,Milano

Anno       2008


Non solo fare, ma saper fare, ma soprattutto saper fare bene le cose, anche per il solo piacere di farle. Riscoprire una regola di comportamento sociale alla base della civiltà moderna e occidentale.

Attraverso la storia di tecnica, arte e artigianato, fino ai contemporanei artigiani informatici.

(sb)

 
   
   
 
leggi i commenti
 
12/01/2012ORIZZONTI | Visioni

Koyaanisqatsi

Titolo       Koyaanisqatsi

Autore     Godfrey Reggio

Anno       1983


Nessun dialogo.

Solo immagini.

Ritmate da musica e suoni per mostrare natura e urbanizzazione in sequenze alternate da accelerazioni e montaggi spiazzanti.

Spiazzanti oggi come allora.

Da cercare. Da rivedere (dopo circa 30 anni). Da riascoltare la colonna sonora di Philip Glass.

Pietramiliare.


ASSAGGIO

 
   
   
 
leggi i commenti
 
02/01/2012ORIZZONTI | Pensiero

Titolo       Breve trattato sulla decrescita serena

Autore     Serge Latouche

Editore    Bollati Boringhieri, Torino

Anno       2008


L'autore teorizza la decrescita, da non intendere però come crescita negativa.

Meglio allora parlare di "acrescita" con a privativa.

Se è ormai riconosciuto che il perseguimento indefinito della crescita è incompatibile conun pianeta finito, le conseguenze (produrre meno e consumare meno) sono invece ben lungi dall'essere accettate. Ma se non vi sarà un'inversione di rotta, ci attende una catastrofe ecologica e umana. Siamo ancora in tempo per immaginare, serenamente, un sistema basato su un'altra logica: quella di una "società di decrescita".

Senza dubbio spiazzante, in ogni caso da leggere.

(sb)